Cineteca ambientale

Life Gate di Leonardo Di Caprio

I gorilla di Montagna del National Geographic

Meno 100 kg di Roberto Cavallo

One life della BBC

L'era degli stupidi - The age of stupid

Regia e sceneggiatura Franny Armstrong

Il documentario è ambientato nel 2055. Pete Postlethwaite impersona un archivista che custodisce l'intero sapere del mondo, dalle opere d'arte ai contenuti multimediali. L'archivista scorre svariati videodocumenti che fanno presagire gli effetti del riscaldamento globale evocando il messaggio del "che stupidi siamo stati quando potevamo ancora fare qualcosa".

Il film riporta sei storie: Al Duvenray, che subì gli effetti ll'uragano Katrina e che contribuì ai soccorsi, riflette sul suo lavoro nell'industria del petrolio e sui suoi effetti negativi.

L'uomo d'affari indiano Jehangir Wadia spiega come è nata la sua compagnia aerea low cost GoAir e il suo desiderio di poter rendere capace ogni persona di viaggiare via aria.

Due ragazzini iracheni (Jamila e Adnan),  emigrati in Giordania a causa della guerra in Iraq, parlano della morte del loro padre. Sullo sfondo si assiste a documenti video che testimoniano l'interesse occidentale per il petrolio iracheno.

Una famiglia inglese fa un tour del ghiacciaio del Monte Bianco in Francia con Fernand Pareau, una guida di 82 anni, che ha visto l'arretrarsi senza soste del ghiacciaio durante tutta la sua vita. La guida, inoltre, parla dei problemi connessi al trasporto su strada attraverso il traforo del Monte bianco e al suo attivismo per scongiurare l'aumento pianificato del traffico su gomma.  Piers Guy, il padre della precedente famiglia inglese, parla dei suoi sforzi per promuovere e costruire delle Wind Farm con pale eoliche e di come viene bloccato da gente che, nonostante il proprio impegno per combattere il riscalda mento globale, non vuole le turbine eoliche davanti ai propri terreni per inquinamento paesaggistico con un tipico atteggiamento da NIMBY.

 Layefa Malemi è una donna nigeriana che lotta per emergere dalla povertà convivendo con il problema del petrolio prodotto nel suo paese. Parla delle sue aspirazioni di diventare un medico e dell'impatto dello sfruttamento del  petrolio nigeriano da parte di Shell a discapito della salute, della sicurezza, e dell'ambiente in Nigeria.